Oltre il Mercato e diversi dallo Stato. Terzo settore e impresa sociale

  • Sabato Aliberti University of Salerno, Italy
Keywords: Social enterprise, Third sector, Welfare

Abstract

The continuous decline of the State as leading center of the political economies, along with the reduction of public resources and the increasing number of nonprofit organizations, they all are reshaping social protection services; Strong cuts on expenditure on social protection (pensions, health, social policy etc.) have been made in order to to meet the balanced budget requirements imposed by the European Union. This element, along with the reduction of taxes’ incomes, led States to give up many of its prerogatives, to private benefit. This started a strong collaboration between public, private and third sector. Third sector has also developed from a mere executor of State’s redistributive tasks, into a real business part capable of designing, producing and managing a large amount of goods and services of social interest.

References

Abramson, A.J. & Salamon, L. (1986). The nonprofit Sector and the new Federal budget. Washington D.C: The Urban Institut Press.

Ardigò, A. (1981).Volontariato welfare State e terza dimensione. La ricerca sociale, 25: 7-22.

Ascoli, U. (1984) (a cura di). Welfare state all’italiana. Roma-Bari: Laterza. Barbetta, P. (1993). Le imprese non profit in Italia: un quadro d’insieme. In L. Bobba (a cura di), Fare impresa. Roma: Idea duemila.

Barbetta, G.P. (1996). Senza scopo di lucro. Bologna: il Mulino.

Bassanini, M.C. e Ranci, P. (1990) (a cura di). Non per profitto. Il settore dei soggetti che erogano servizi di interesse collettivo senza fini di lucro. Città di Castello: Fondazione Olivetti.

Borzaga, C. & Defourny, J. (2001) (a cura di). L'impresa sociale in prospettiva europea. Trento: Edizioni 31.

Borzaga, C. e Fazzi, I. (2000). Azione volontaria e processi di trasformazione del settore non-profit. Milano: FrancoAngeli.

Borzaga, C. e Janes, A. (2006). L’economia della solidarietà. Roma: Donzelli editore.

Borzaga, C. e Lepri, S. (1988). Oltre a Stato e mercato: il terzo sistema. Servizi Sociali, 1: 37-44.

Borzaga, C. e Zandonai, F. (2009). L'impresa sociale in Italia: economia e istituzioni dei beni comuni. Roma: Donzelli editore

Bruni, L. e Zamagni, S. (2004). Economia civile Efficienza, equità, felicità pubblica. Bologna: il Mulino.

Bruni, L., Zamagni, S. e Zona, F. (2009). Dizionario di Economia Civile. Roma: Città Nuova.

Colozzi, I. (1990). Il ruolo del volontariato nei servizi socio-sanitari. In P. Donati (a cura di). Manuale di sociologia sanitaria. Roma: NIS.

Colozzi, I. e Bassi, A. (2003). Da terzo settore a imprese sociali. Roma: Carocci.

De Leonardis, O. (2002). Principi culture e pratiche di giustizia sociale. In Montebugnoli, A. (a cura di). Questioni di welfare. Milano: FrancoAngeli.

Donati, P. (1978). Pubblico e Privato: fine di un’alternativa?. Bologna: Cappelli.

Donati, P. (1993). Dove va il terzo settore. Impresa Sociale, 10: 5-10.

Drucker, P.F. (1989). Economia, politica, management. Milano: Etas.

Etzioni, A. (1973). The Third Sector and Domestic Missions. Public Administration Re-view, 33(4): 314-323.

Esping-Andersen, G. (1990). The Three World of Welfare Capitalism. Cambridge: Polity Press.

Ferrera, M. (1993). Modelli di solidarietà. Politiche e riforme sociali nelle democrazie. Bo-logna: il Mulino.

Ferrera, M., (2006).Le politiche sociali. L'Italia in prospettiva comparata. Bologna: il Mulino.

Frisanco, R. (2013).Volontariato e nuovo welfare. Roma: Carocci.

Gallino, L. (1998). Se tre milioni vi sembrano pochi: sui modi per combattere la disoccu-pazione. Milano: Einaudi.

Giddens, A. (2007).L’Europa nell’età globale. Roma - Bari: Laterza.

Gui, B. (1990). Il ruolo delle organizzazioni mutualistiche e senza scopo di lucro. Un approccio dal lato della teoria economica. Impresa Sociale,

Laville, J. L. (2007). Terzo settore, economia sociale, economia civile fondata sulla solidarietà. realtà europea e dibattito teorico. Politiche Sociali e Servizi, l: 9-27.

Moro, G. (2014).Contro il non profit. Roma-Bari: Laterza.

Easley, D. & O’Hara, M. (1983). The Economic Role of Nonprofit Firm. Bell Journal of Economics, 13: 531-538.

Paci, M. (1982). Onde lunghe dello sviluppo dei sistemi di welfare. Stato e Mercato, 6: 345-400.

Paci, M. (1984). Il sistema italiano di welfare fra tradizione clientelare e prospettive di riforma. In U. Ascoli (a cura di), Welfare state all’italiana. Roma-Bari: Laterza.

Paci, M. (1989). Pubblico e privato nei sistemi di welfare. Napoli: Liguori.

Rago, S. e Villani, R. (2011). Glossario dell’Economia Sociale. Forlì: AICCON.

Rizza, R. e Bonvicini, F. (2014). Attori e territori del welfare. Innovazioni nel welfare aziendale nelle politiche di contrasto all’impoverimento. Milano: FrancoAngeli.

Ruffolo, G. (1985). La qualità sociale. Le vie dello sviluppo. Roma-Bari: Laterza.

Salamon, L.M. & Anheier, H.K. (1994). The Emerging Sector: The Nonprofit Sector in Comparative Perspective - An Overview. Baltimore: The Johns Hopkins University In-stitute for Policy Studies.

Tittmuss, R. (1986). Saggi sul “Welfare State”. Roma: Edizioni Lavoro.

Treu, T. (2016) (a cura di). Welfare aziendale 2.0. Nuovo welfare, vantaggi contributivi e fiscali. Ipsoa Indicitalia. V

errucoli, P. (1985). Nonprofit Organizations. Milano: Giuffrè.

Violini, L. e Vittadini, G. (2012) (a cura di). La sfida del cambiamento Superare la crisi senza sacrificare nessuno. Milano: BUR.

Published
2016-12-27